page contents >
Chiudi
Invia il tuo messaggio.Sarai contattato al più presto.

Tutti i campi sono richiesti

+

=

Inviando il modulo si autorizza il trattamento dei dati inseriti ai sensi del D. Lgs. 196/2003.

Le realizzazioni

logo
Seguimi

Effettua la registrazione al sito

Riceverai gli aggiornamenti sulla tua casella di posta

Chi sono

"La vita mette ognuno di noi di fronte a prove molto dure, a scelte che sembrano facili ma che col senno di poi ti rendi conto che hanno cambiato il corso intero della tua esistenza"


Chi non si è mai trovato ad affrontare scelte importanti o che forse non lo sembravano in quel momento e che poi si sono rivelate tali.
A volte si prendono strade che migliorano la propria vita anche se sembrano a prima vista tortuose e difficili, a volte appaiono belle e facili ma portano in situazioni da cui è difficile venirne fuori.
La mia vita fino ad ora è stata un susseguirsi di cambiamenti e prove da affrontare, di momenti in cui si spiccava facilmente il volo e di altri in cui era difficile muoversi.
Se sto scrivendo queste parole è solo per dire che ogni preciso istante mi ha insegnato qualcosa.
Un uomo si costruisce un poco alla volta e ogni esperienza che sia buona o cattiva, se si usa il buonsenso, contribuisce a farlo!

Sono cresciuto in un paese che, come purtroppo si sa, non offre grandi opportunità ma neanche nega, a chi ha voglia di reinventarsi, la possibilità di crearsele.
Non mi ritengo superiore a nessuno faccia il mio stesso lavoro ma sono fermamente convinto che quando qualcosa la si fa con passione, alla fine riesce bene ed io, nel mio lavoro, ne metto tanta ogni volta ripagata con la soddisfazione del cliente.

Produco box doccia, vetrate di ogni tipo, cristalli per l'arredamento.
Rivolgendovi alla mia vetreria troverete sempre la massima serietà e puntualità oltre ad un prodotto finito di ottima qualità. Piccolo o grande che sia il lavoro da svolgere, l'impegno con cui lo si fà è sempre lo stesso.

I tipi di vetro

Ogni vetreria per soddisfare le richieste del cliente deve avere un magazzino con tipi di vetro diversi.
Sul mercato ne esistono moltissimi che si possono distinguere per : spessore, colore, trasparenza e resistenza. Ogni caratteristica viene presa in considerazione in base alle necessità d'uso.
Di seguito l'elenco dei principali tipi di vetro presenti in sede.

Se siete alla ricerca di vetri particolari che non sono presenti in elenco, non esitate a Contattarci

    Tipi di vetro :

  • Vetri per cornici da 2mm
  • Vetro Float da 3/6/8/10/12mm (spessori superiori su richiesta)
  • Vetri Stampati
  • Vetri Cattedrale
  • Cristalli Satinati chiari o colorati
  • Cristalli Extra-Chiaro
  • Specchio da 4/5/6mm
  • Vetri stratificati di sicurezza
  • Vetro ceramico ( per stufe o camininetti)

Le lavorazioni

Affinchè possa diventare adatto ai diversi tipi di utilizzo, il vetro attraversa diversi cicli di lavorazione. Alle vetrerie viene consegnato in lastre che possono raggiungere i 600cm di lunghezza e i 321cm di altezza (grandi lastre o lastre di colata usate nelle grandi vetrerie) e 321cm di lunghezza per un massimo di 260cm di altezza (piccole lastre in casse per le picole o medie vetrerie).
Dopo la prima fase che consiste nel taglio, il vetro viene lavorato e quindi trasformato in base alle richieste.

Le principali lavorazioni
Filo_lucido

Filo Lucido

Il bordo viene molato e lucidato con delle mole in modo da ottenere un bordo perfettamente dritto e rifinito.
Si può distinguere il filo lucido piatto o tondo a seconda delle mole usate.
Questa lavorazione viene effettuata con delle macchine chiamate rettilinee o con centri di lavoro a controllo numerico.

filo_grezzo

Filo grezzo

Come il filo lucido, con la particolarità che il bordo non risulta lucido ma opaco.
Questa lavorazione è usata quando non è importante l'estetica del bordo o quando si deve preservare il vetro da micro crepe per posizionarlo nell'infisso.
Per questo tipo di molatura si utilizzano solitamente delle macchine con carta vetro a nastro.

bisello

Bisellatura

Si ottiene un vetro bisellato quando i bordi del vetro vengono molati per 20–40-mm verso la superficie del vetro stesso.

fori

Fori e tacche

Spesso, dovendo montare accessori come cerniere o manigle, sul vetro vengono effettuati dei fori o delle tacche.
Queste lavorazioni vengono effettuate con trapani per vetro dotati di punte particolari o con macchine a controllo numerico ottenendo con queste risultati percisi al millimetro

sabbiatura

La sabbiatura

Quando si vuole creare su un vetro delle zone opache in punti prestabiliti si copre la parte che deve restare lucida con delle maschere, generalmente realizzate con carta adesiva . In questo modo si possono creare disegni personalizzati spruzzando una sabbia abrasiva sulla superficie scoperta.
Questa lavorazione viene effettuata con delle sabbiatrici per vetro.

tempera

La tempera

La tempera del vetro è un processo abbastanza complesso inquanto bisogna rispettare regole precise per ottenere i giusti risultati.
Ogni lavorazione deve essere effettuata prima della tempera inquanto dopo non è più possibile.
E' importante che il vetro non presenti schegge e che il bordo venga prima molato.
Per essere temperato il vetro viene riscaldato ad una temperatura superiore ai 600°. Il vetro surriscaldato viene sottoposto a raffiche di aria sotto pressione a diverse angolazioni facendo così contrarre le superfici esterne più in fretta rispetto al centro conferendogli robustezza e durezza.
Il vetro temprato può sopportare dei colpi nella parte centrale. Tuttavia, se colpito sul bordo può esplodere in mille pezzi.

I prodotti

Molteplici sono i prodotti che una Vetreria può offrire. Si potrebbe pensare che "L'arte nel vetro" sia un'attività principalmente dedita alle vetrate artistiche ma il significato di questa frase va ben oltre.
Senza tralasciare le vetrate, gli articoli che vengono realizzati sono principalmente legati all'arredamento in cristallo.
Un artigiano cerca sempre di realizzare al meglio le richieste del cliente mettendo a disposizione le sue idee, dando così vita a prodotti unici e diversi tra loro.
Posso quindi dire con certezza che l'arte racchiusa in una lastra di vetro non ha limiti se si sa come tirarla fuori.
Naturalmente una Vetreria non può trascurare il cliente a cui serve la semplice sostituzione del vetro ad una finestra o il vetro per la cornice di un quadro ecc.
Dare attenzione al piccolo intervento non è considerata una perdita di tempo, quello che interessa è che il cliente resti sodisfatto e che possa tornare.


Se siete alla ricerca dei prodotti elencati di seguito, non esitate a Contattarci per un preventivo gratuito... qui trasformiamo le vostre idee in cristallo!

    Alcuni dei prodotti:

  • Box doccia in cristallo su misura con apertura ad anta, a libro e scorrevole
  • Porte in cristallo ad anta, scorrevoli ed a libro (in cristallo trasparente, satinato, verniciato o decorato
  • Specchi per bagno o per altri ambienti
  • Mensole in cristallo anche sagomate
  • Tavolini in cristallo su misura
  • Vetrine da esposizione per la casa o il negozio
  • Accessori per il bagno su richiesta (porta asciugamani ecc)
  • Vetrate decorate, rilegate verniciate o sabbiate
  • Parapetti in cristallo

visitando la pagina "Realizzazioni" si possono vedere le foto di alcuni dei lavori realizzati.

NUOVA NORMA UNI 7697

14Apr16 NUOVA NORMA UNI 7697

In data 22 maggio 2014 è stata pubblicata la nuova revisione della norma UNI 7697 “Criteri di sicurezza nelle applicazioni vetrarie” che guida alla scelta delle vetrazioni di sicurezza in funzione dell’applicazione e della destinazione edilizia. Essa aggiorna e sostituisce la precedente edizione di riferimento, del 2007.

Nella norma UNI 7697:2014, ricalcando lo spirito della precedente edizione, sono state introdotte delle importanti novità finalizzate ad eliminare le ambiguità di interpretazione che la precedente normativa aveva creato, agevolando così la scelta delle vetrazioni da utilizzare nelle varie applicazioni da parte degli utilizzatori.

Tra le novità più importanti: le lastre interne dei vetrocamera dei serramenti posti ad altezza superiore ai 100 cm dal piano di calpestio devono essere di sicurezza. Possono essere di vetro temperato oppure stratificato, così classificati per quanto riguarda la resistenza all’urto secondo UNI EN 12600:

Vetro temperato: classe minima 1C3
Vetro stratificato: classe minima 2B2
E’ importante sottolineare che la norma UNI 7697, seppur nata in ambito volontario, è stata resa cogente dal Decreto Legislativo 6 settembre 2005, n. 206 “Codice del consumo”, a norma dell’articolo 7 della legge 29 luglio 2003, n. 229. Tale decreto stabilisce che in assenza di specifiche disposizioni comunitarie o di specifiche regolamentazioni nazionali cogenti e del recepimento nazionale di specifiche norme europee non cogenti, “la sicurezza del prodotto è valutata in base alle norme nazionali non cogenti che recepiscono norme europee, alle norme in vigore nello Stato membro in cui il prodotto è commercializzato, alle raccomandazioni della Commissione europea relative ad orientamenti sulla valutazione della sicurezza dei prodotti, ai codici di buona condotta in materia di sicurezza vigenti nel settore interessato, agli ultimi ritrovati dalla tecnica, al livello di sicurezza che i consumatori possono ragionevolmente attendersi”.

Per questo motivo consigliamo i serramentisti Associati di adeguarsi alla normativa entrata in vigore cercando di ridurre al massimo i rischi derivanti dalla mancata applicazione della stessa.

ANFIT ha già intrapreso il cammino di uno specifico dialogo con UNI per cercare di definire una procedura da utilizzarsi d’ora in avanti in casi simili a questo, quando cioè la revisione di una norma, che diventa cogente perchè richiamata dalla legislazione nazionale, arriva ad impattare sul mercato, senza la gradualità necessaria al produttore per eliminare le scorte di prodotto che non soddisfano i nuovi criteri richiamati dalla revisione.

A tale proposito rammentiamo che per quanto riguarda il settore dei lavori Pubblici questo cambio di normativa non dovrebbe comportare particolari problemi in quanto rientrante in una delle possibilità contenute nell’articolo 132 del DPR 163 del 2006 che consente alla Direzione dei lavori una “variante in corso d’opera”, dal momento che si tratta della revisione di una norma emanata dopo l’espletamento dell’appalto stesso.

Nel settore privato, in cui vige l’applicazione del Codice Civile, una denuncia da parte del committente potrebbe sfociare in lunghissimi contenziosi, con tutte le incognite del caso: per evitare ogni possibile richio Vi consigliamo di attuare nel minor tempo possibile l’applicazione delle nuove disposizioni normative e di trovare un compromesso il più indolore possibile con i Vostri clienti con i quali avete in precedenza stipulato il contratto.

 

Fonte: anfit.it

2

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.